Periodico dell’ EDA Italia Onlus, Associazione Italiana sulla Depressione

Cerca
Close this search box.

Le farfalle che non possono volare

“Le farfalle stupiscono ancora”! Ai mondiali di ginnastica ritmica l’Italia ha brillato collezionando medaglie d'oro grazie alle bravissime e giovanissime atlete della ginnastica ritmica.

Plausi e congratulazioni sono piovute con abbondanza sul mondo della ginnastica per le bravissime “farfalle” e tanti hanno esultato per questo splendido risultato. Lo stesso accade ripetutamente, quando si assiste ai saggi di danza o di ginnastica artistica o di altri sport. L’agonismo e la prestazione diventano spesso una religione alla quale è impossibile sottrarsi. Trionfare, vincere, salire sul podio, diventano un dovere più che un piacere.

Inutile dire che questi sentimenti appartengono anzitutto al mondo adulto, allenatori in primo luogo e genitori successivamente. Adulti che riversano aspettative onnipotenti e crudeli su una infanzia ancora in crescita. Trasformano un momento ludico e di formazione in una vita infernale e dolorosa.

Prima di affermare che lo sport fa bene occorre osservare il modo di operare degli allenatori.  

Perché lo sport e la danza, nonostante i buoni propositi, fanno spesso molto male

Nina Corradini e Anna Basta, giovanissime “farfalle” della nazionale azzurra hanno gridato ai quattro venti la loro disperazione. Raccontava Anna Basta: “Per la ginnastica ho tentato due volte il suicidio”. Lei è bolognese e – si legge su Repubblica – ricorda bene le notti passate in piedi, a piangere. Per due volte, l’ex stella della Nazionale di ritmica ha pensato al suicidio.  “Una volta non ho agito perché è entrata una persona in stanza e mi sono scossa. La seconda ero in mezzo alla gente”.

Dovremmo prestare più attenzione alla relazione tra sport e depressione, tra sport e ideazione suicidaria, tra sport e disturbi alimentari e altre malattie psichiatriche. Lo sport è profondamente inquinato da aspettative adulte che minano i suoi fondamenti e i suoi valori. I segnali sono tanti: basta osservare lo spettacolo di quei numerosi genitori che urlano dagli spalti contro i loro figli e quegli altrui per prestazioni giudicate scadenti della propria squadra. Non parliamo delle offese lanciate contro le squadre altrui che potrebbero competere con i peggiori slogan inventati da ultras da stadio. E poi ci sono gli allenatori che sui bambini investono la loro carriera e la loro immagine.

Il terreno che viene a crearsi è spesso dannoso per le giovani farfalle!

Bambini e giovani trasformati precocemente in macchine, in oggetti da esibire, da plasmare, modellare. I loro corpi diventano argilla nelle mani di un vasaio disattento e crudele, che vede nelle loro anime un ostacolo più che un fiore da coltivare. La fame, il dolore, la paura, la gioia, tutto ciò che dovrebbe animare lo sport e renderlo luogo di formazione umana, diventano fastidiosi e ingombrati accessori. Elementi devianti che disturbano e allontanano dal risultato. Conta solo la prestazione, la vittoria, il successo.

Il risultato è che le nostre farfalle hanno ali bellissime, una movenza graziosa e un’arte di muoversi eccellente ma non hanno più voglia di volare. Un mondo disattento ha rubato la loro infanzia, si è impadronita delle loro vite e ne ha fatto macello. Le farfalle, le danzatrici e i tanti ragazzi che si sono avvicinati allo sport con speranza e passione si ritrovano un animo privo di gioia. Vivono un senso di delusione e di fallimento che prelude alle ben note problematiche di cui ci occupiamo noi psichiatri e psicologi.

Che fare?

Dovremmo attivare una campagna di prevenzione e di informazione sui pericoli di un certo modo di fare sport e danza. Ponendo anzitutto al centro l’importanza formativa di queste discipline e mettendo in guardia dalle deviazioni pericolose che adulti senza scrupoli possono causare. Aiutare i genitori a valutare la qualità relazionale degli allenatori e formare questi ultimi a una relazione più sana. Abolire l’agonismo spinto nella fase di crescita, obbligando allenatori e società a valorizzare tutti gli allievi. Ricordare a tutti che lo sport deve essere anzitutto gioia di vivere, passione, rilassamento e piacere.

Lo sport e le discipline artistiche sono meravigliosi. A noi non trasformarle in un inferno, in un luogo in cui non si insegna a volare ma soffrire.

Gino Aldi

Foto: Envato Elements

0 0 voti
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Farfalle che non possono volare.

Ultime News

Arteterapia e salute mentale.

Arteterapia e salute mentale

L’arteterapia è una metodica terapeutica suppletiva alle terapie farmacologiche e psicologiche per le patologie mentali e fisiche. Essa stimola benessere psicofisico sia negli utenti che negli operatori. L’arte permette un’espressione diretta, immediata, spontanea ed istintiva di noi stessi

Leggi ...
Sopravvivere alla delusione conservando l'autostima.

Come sopravvivere alla delusione conservando l’autostima

Non c’è persona al mondo che non abbia avuto, almeno una volta nella vita, una delusione! Spesso le più grandi delusioni arrivano da persone che non si son prese cura delle proprie ferite. Impariamo dunque ad affrontarle/superarle nel miglior modo possibile.

Leggi ...

Macro Aree

Articoli Correlati di Categoria

0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero, si prega di commentarex

Newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione quando vuoi

newsletter