Periodico dell’ EDA Italia Onlus, Associazione Italiana sulla Depressione

Cerca
Close this search box.
Logo Eda
EDA Italia Onlus

EDITORIALE N° 0

Caro lettore ti presento, nel mio editoriale, "Depressione Stop", rivista deIl'EDA Italia Onlus, Associazione Italiana sulla Depressione

La nascita di una rivista può essere motivo di entusiasmo e di preoccupazioni. L’entusiasmo di un gruppo di professionisti del campo della salute mentale che ha trovato conforto e risorse dal fervore dei soci della EDA Italia Onlus. Associazione che nel suo statuto si pone l’obiettivo del “miglioramento della qualità della vita delle persone che soffrono o che hanno sofferto di depressione, della lotta contro lo stigma e la discriminazione associati alla malattia depressiva”.


La neonata rivista “Depressione Stop” si pone, pertanto, gli stessi obiettivi della EDA Italia Onlus. Essi sono quelli di fornire ai lettori un’informazione scientifica corretta, utilizzando un linguaggio semplice e coerente con i principi della associazione stessa. Si propone una divulgazione scientifica elaborata da professionisti del settore della salute mentale con lo sguardo rivolto alla popolazione generale.


La rivista “Depressione Stop” è stata concepita come uno spazio di incontro di diverse entità del vasto panorama scientifico e culturale. Essa si nutre delle informazioni provenienti da diversi campi che narrano di depressione e di disturbi dell’umore. Trovare le energie necessarie per lo sviluppo e la diffusione dei messaggi e delle informazioni corrette è stato il passo successivo.


L’esordio della rivista “Depressione Stop” avviene in pieno periodo pandemico. Il tema principale di questo numero della rivista è: “La depressione tra il mondo reale e virtuale in tempi di pandemia”. L’argomento trae spunto da un percorso già avviato dalla EDA Italia Onlus, i cui contenuti possono essere estratti dal sito ufficiale della nostra associazione: www.edaitalia.org.
Ideata e voluta da quattro soci fondatori, Depressione Stop ha radici ben solide, provenienti da lontano, fin dalla sua fondazione. Giuseppe e Maurilio Tavormina, Wilma Di Napoli sono stati solo gli esecutori finali del lungo cammino della nostra associazione. Un cammino che ha visto attori protagonisti tutti i soci dell’associazione. Tutti coloro che hanno creato l’impronta etica, di appartenenza, di condivisione degli stessi intenti. Le forti radici sono state consolidate lungo il cammino da figure autorevoli e “appassionate” come, tra gli altri, Giuseppe, Maurilio e, soprattutto, Marcello.

Al Professore Marcello Nardini vorrei dedicare la nascita della rivista, con la certezza che la sua umanità, disponibilità, equilibrio e professionalità accompagnerà e guiderà il nostro cammino.
Vi auguro buona lettura


Francesco Franza

0 0 voti
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Il più recente
Il più antico Il più votato
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
EDITORIALE -F. Franza-

Ultime News

Arteterapia e salute mentale.

Arteterapia e salute mentale

L’arteterapia è una metodica terapeutica suppletiva alle terapie farmacologiche e psicologiche per le patologie mentali e fisiche. Essa stimola benessere psicofisico sia negli utenti che negli operatori. L’arte permette un’espressione diretta, immediata, spontanea ed istintiva di noi stessi

Leggi ...
Sopravvivere alla delusione conservando l'autostima.

Come sopravvivere alla delusione conservando l’autostima

Non c’è persona al mondo che non abbia avuto, almeno una volta nella vita, una delusione! Spesso le più grandi delusioni arrivano da persone che non si son prese cura delle proprie ferite. Impariamo dunque ad affrontarle/superarle nel miglior modo possibile.

Leggi ...

Macro Aree

Articoli Correlati di Categoria

3
0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero, si prega di commentarex

Newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione quando vuoi

newsletter