Periodico dell’ EDA Italia Onlus, Associazione Italiana sulla Depressione

Cerca
Close this search box.

Bullismo e cyberbullismo. Una giornata dedicata

Bullismo e cyberbullismo tra i fenomeni più temuti dagli adolescenti, il Ministero dell'istruzione dedica una giornata di sensibilizzazione e informazione.

 Con il termine bullismo s’intende un comportamento aggressivo ripetitivo nei confronti di chi non è in grado di difendersi. Ciò che caratterizza gli episodi sono: l’intenzionalità del comportamento aggressivo agito, la sistematicità delle azioni e l’asimmetria di potere tra vittima e persecutore.

Il cyberbullismo è definito come un atto aggressivo, intenzionale, condotto da un individuo o un gruppo usando la tecnologia, ripetuto nel tempo (Smith et al 2013). Esso ha però delle caratteristiche: il bullo può mantenere nella rete l’anonimato, ha un pubblico più vasto il Web e può controllare le informazioni.

La vittima in genere può avere una scarsa conoscenza circa i rischi nella condivisione delle informazioni personali su Internet (Casas et al 2013; Smith et al 2013). Per questi motivi la vittima, può sviluppare malesseri della persona con l’esordio di patologie come ansia e depressione fino a compiere atti estremi. 

Conseguenze psicologiche del bullismo e del cyberbullismo

La vittima ha difficoltà a chiedere aiuto e ciò porta ad avere conseguenze negative sull’umore. Non solo ma possono verificarsi anche calo del rendimento scolastico, comparsa di sintomi di ansia o depressione. In alcuni casi insorgono problemi alimentari o colpevolizzazioni verso sé stessi.

Uno studio dell’Università di Miami afferma che il cyberbullismo peggiora i sintomi della depressione e del disturbo post traumatico da stress nei giovani. Essere vittime di episodi di bullismo da bambini è spiacevole e costituisce un fattore di rischio a sviluppare diversi disturbi. Tali disturbi oltre che nell’infanzia e nell’adolescenza potrebbero anche manifestarsi nell’età adulta.

Molti studi concordano che le vittime di bullismo nel passaggio dall’adolescenza alla giovane età adulta continuano a presentare disturbi d’ansia, dipendenza, depressione. Inoltre, per coloro che in passato sono stati sia vittime che bulli incorre rischio maggiore di sviluppare depressione, attacchi di panico e rischio suicidario.

Ma non è solo la vittima ad avere conseguenze, anche il bullo può manifestare problematiche antisociali e depressione. Gli effetti negativi sulla salute dimostrano quanto il fenomeno sia da considerare un problema di salute pubblica. Il fenomeno ha origine prevalentemente a scuola e rappresenta un dispendio economico, sociale, educativo e giudiziario. Diversi studi indicano anche un’associazione fra essere stato vittima di atti di bullismo e abbandono scolastico.

Il ruolo della scuola

 Recentemente è stato diffuso uno studio della Federazione Italiana Società di Psicologia che ha mostrato la necessità della presenza dello psicologo a scuola. Secondo indagini Istat sui comportamenti offensivi e violenti tra i giovanissimi un ragazzo su cinque ha subito episodi di bullismo e/o cyberbullismo. Per gli psicologi si tratta di una vera e propria emergenza. È necessario un programma di prevenzione negli istituti scolastici attraverso la valutazione del disagio giovanile e dei fattori di rischio individuali, familiari e ambientali.

La figura dello psicologo a scuola contribuisce alla promozione delle risorse e delle potenzialità dei ragazzi in una fase delicata come quella dello sviluppo. Da qualche anno il Ministero dell’Istruzione, ha istituito la giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo, essa si celebra il 7 febbraio.  

Il 7 febbraio 2022 giornata nazionale contro il bullismo

Diversi sono gli appuntamenti che si svolgono in molte scuole del territorio nazionale al fine di capire, prevenire ed intervenire. Il 7 febbraio scorso presso l’Istituto Superiore Statale Istruzione Superiore “Fiani Leccisotti di Torremaggiore (Foggia) i rappresentati d’Istituto hanno promosso un incontro. Grazie al supporto del Preside Prof. Collina Carmine ed il corpo docenti si è svolto un interessante momento di confronto e dibattito sulla tematica.  Alla giornata oltre a me in qualità di psicoterapeuta dell’Istituto ha partecipato il “Centro Antiviolenza Attivamente Coinvolte” nella persona della presidentessa avvocata Stefania Figliuzzi.

È ormai noto che la violenza domestica è strettamente correlato al bullismo. I minori esposti a episodi di violenza familiare infatti sono più propensi a esercitare forme attive violente nei confronti dei compagni o a essere vittime. L’evento ha visto la partecipazione di tutte le classi dell’Istituto oltre mille studenti dal primo al quinto anno. L’incontro si è tenuto anche da remoto ed è stato trasmesso sul canale YouTube della scuola.

Il dibattito si è alternato con informazioni prettamente legati alla figura del bullo e della vittima. Sono state chiarite le molteplici conseguenze psicologiche, comportamentali e giudiziali, le possibilità di intervento da parte degli interessati e non. Molte sono state le domande e le curiosità che gli studenti ci hanno posto e molti gli spunti di riflessione. Ciò che è emerso è sicuramente concentrato su quanto ancora dobbiamo e possiamo fare come singoli cittadini, come educatori e professionisti.

Conclusioni

Entrambe i fenomeni analizzati riguardano tutti per la complessità, per la delicatezza che li caratterizza e per la crescita e la salute dei ragazzi. Genitori, insegnanti, amici, professionisti sono tutte figure con un ruolo importante al fine di intercettare e interrompere una azione fisicamente e psicologicamente dolorosa. Per tale ragione sono necessarie azioni sinergiche di prevenzione e di intervento precoce nelle scuole.

Gli interventi, dovrebbero promuovere lo sviluppo delle competenze emotive e relazionali, attraverso attività che favoriscono la cosiddetta “salute mentale positiva” mediante il potenziamento di abilità. Inoltre favorire la capacità di autoregolazione delle emozioni, la definizione di obiettivi personali, di problem solving e di abilità relazionali.

Maria Rosaria Juli

Bibliografia

  1. Casas J. A., Del Rey R., Ortega-Ruiz R.: Bullying and cyberbullying: Convergent and divergent predictor variables. Computers in Human Behavior, 2013.
  2. Smith PK, Del Barrio C., Tokunaga RS.: Definitions of bullying and cyberbullying: How useful are the terms. Principles of cyberbullying research: Definitions, measures and methodology. In Bauman S., Cross D., Walker J.(a cura di), Principi di ricerca sul cyberbullismo: definizioni, misure e metodologia, 2013.

Sitografia  

https://miur.gov.it/bullismo
0 0 voti
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Bullismo e cyberbullismo. Una giornata dedicata

Ultime News

Arteterapia e salute mentale.

Arteterapia e salute mentale

L’arteterapia è una metodica terapeutica suppletiva alle terapie farmacologiche e psicologiche per le patologie mentali e fisiche. Essa stimola benessere psicofisico sia negli utenti che negli operatori. L’arte permette un’espressione diretta, immediata, spontanea ed istintiva di noi stessi

Leggi ...
Sopravvivere alla delusione conservando l'autostima.

Come sopravvivere alla delusione conservando l’autostima

Non c’è persona al mondo che non abbia avuto, almeno una volta nella vita, una delusione! Spesso le più grandi delusioni arrivano da persone che non si son prese cura delle proprie ferite. Impariamo dunque ad affrontarle/superarle nel miglior modo possibile.

Leggi ...

Macro Aree

Articoli Correlati di Categoria

0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero, si prega di commentarex

Newsletter

Puoi cancellare la tua iscrizione quando vuoi

newsletter